cloud
cloud
cloud
cloud
cloud
cloud
top image

Inoltre…


Baby English

Il corso d’inglese è tenuto da un’insegnante madrelingua.

Il progetto si suddivide in lezioni settimanali che si svolgono durante l’ora di attività strutturata.

OBIETTIVI :

*imparare la pronuncia e l’intonazione corretta con lezioni svolte esclusivamente in lingua inglese.

*offrire ai bambini un approccio alla lingua inglese partendo da argomenti conosciuti e divertenti e da tematiche relative alla vita del nido.

METODOLOGIA:

L’insegnante lavora chiedendo l’intervento attivo dei bambini, organizza insieme a loro le immagini del testo adottato “ Happy Farm”,” Tell and sing a story” e varie schede favorendo in tal modo la memorizzazione dei contenuti proposti. Giocando in inglese si imparano per esempio: le parti del corpo , i nomi e i versi degli animali, e i numeri.

Per facilitare l’apprendimento della pronuncia, dell’intonazione e delle strutture linguistiche di base in modo divertente si ascoltano dialoghi, canzoni, o filastrocche in cd.

 alt

 alt

Psicomotricità

L’ attività psicomotoria, partendo dalla spontaneità del bambino e dal piacere ch’egli prova nel gioco e nelle azioni, favorisce uno sviluppo psicofisico armonioso.

Il piacere del gioco in questo periodo si manifesta nell’esercizio motorio, con la ripetizione di vari movimenti e gesti: tutto ciò permette al bambino di costruire un’immagine positiva di se stesso.

Nel bambino, secondo Piaget, i primi 2 anni di vita sono importanti per la “nascita dell’intelligenza” (intelligenza come forma di adattamento all’ambiente; l’adattamento come equilibrio tra il polo dell’assimilazione e il polo dell’accomodamento che sono i processi di apprendimento del bambino.

Il processo di adattamento è completo solo quando lo scopo è raggiunto).

In questo percorso psicomotorio si cercherà di accompagnare ogni singolo bambino, verso l’acquisizione di competenze principalmente motorie.

Dove per competenze motorie si intendono sia quelle legate alla motricità di spostamento, sia quelle legate alla motricità di posizione.

All’interno della motricità di spostamento si struttureranno tutte quelle attività che portano a migliorare la qualità motoria delle coordinazioni cinetiche acquisite, considerando anche che al movimento sono strettamente collegate la conoscenza dello spazio e l’acquisizione di maggiori conoscenze sul corpo.

All’interno della motricità di posizione si valorizzeranno il controllo posturale, la preferenza di lato, la coordinazione oculo-manuale e le prattognosie.

Durante le lezioni verrà proposto un” Percorso” di stimolazione motoria adeguato ad ogni bambino.

Ogni proposta individualizzata verrà effettuata all’interno del gruppo:

Il gruppo servirà ad ogni bambino come stimolo per il raggiungimento dell’abilità.

La psicomotricista osserverà ogni bambino, proponendogli oggetti e situazioni di gioco via via diversi, in un percorso evolutivo individuale e di gruppo.

L’intenzione sarà quella di migliorare le competenze motorie legate alla motricità di spostamento (cammino) e alla motricità di posizione (coordinazione occhio-mano, prassie)……….

Il tutto giocando e divertendosi un mondo.